Brindisi Convento “La Pietà”

Casa filiale di Squinzano (LE) – con personalità giuridica

Parrocchia

La fraternità è impegnata principalmente nell’animazione fraterna della Comunità parrocchiale. Oltre ad impegni particolari richiesti come servizi provinciali ad alcuni frati che la compongono, la fraternità entra in relazione continua con la Casa matrice di Squinzano (LE) come stabilito dai nostri Statuti Peculiari (nn. 5-8)

Contatti

Convento “La Pietà” – Brindisi

C.so Roma, 142 – 72100 (BR).
Tel.: 0831.523002
Email: corsoroma142@gmail.com
Sito Web: www.parrocchialapieta.it
Pagina Facebook

Fraternità

fr. Carriero Michele
Responsabile, Economo, Parroco, Moderatore prov.le Fo.Pe., Archivista prov.le, Assistente fed.le OSC di Puglia, Docente ISSR Lecce

fr. Molfetta Walter

fr. Nigro Cosimo Damiano
Studente a Roma – Pastorale Sanitaria, PUL

fr. Taccardi Benedetto
Vicario parrocchiale

Contattaci

Storia

L’Arcivescovo di Brindisi e di Oria, Mons. Giovanni Carlo Bovio (1564-1570), fece venire in città i Frati Cappuccini nel 1566 e, su di un antichissimo luogo di culto dedicato a Cristo Crocifisso, fece edificare una chiesa mariana e una dimora religiosa nell’estrema periferia tra i Bastioni di S. Giacomo e di S. Giorgio. Undici anni dopo, nel 1577, i Cappuccini abbandonarono la custodia del piccolo santuario e costruirono altrove la loro nuova residenza.

Dopo appena due anni, nel 1579, il nuovo Arcivescovo di Brindisi, Mons. Bernardino De Figueroa (1571-1586), spagnolo, ottenne la disponibilità dei Padri Minimi, seguaci di S. Francesco di Paola, ai quali affidò il Convento e la Chiesa.

I Frati Minimi operarono con molto zelo l’apostolato e la educazione della fede nel popolo che si recava nella chiesetta per venerare in modo particolare un’immagine della Madonna Addolorata. Vi restarono per lungo tempo, salvo una parentesi di 17 anni, dal 1579 al 1709, quando costruirono un grande convento nel centro di Brindisi nei pressi del porto, ora occupato dalla Finanza.

La Chiesetta ormai considerata santuario mariano dell’Addolorata, anche se fu trascurata dal clero, non lo fu per i laici cristiani: infatti divenne il centro delle attenzioni di un gruppo di fedeli che nel 1713 chiesero e ottennero di costituirsi in Confraternita della Pietà.

Questi uomini di fede e con una grande devozione alla Madonna Addolorata divennero i custodi e i difensori del santuario mariano: primo Priore, Domenico Frassanito, primo Padre Spirituale, Don Carlo Cantamessa, confessore della cattedrale.

Nel 1741 fu acquistata la statua in cartapesta della Madonna dei dolori e, col permesso dell’Arcivescovo fu portata in processione il 31 Marzo di quell’anno ed anche la terza Domenica di Settembre.

            Dopo vari interventi per rendere più accogliente la chiesetta soprattutto nei giorni della festa, finalmente nel 1855 fu costruita radicalmente una nuova chiesa su progetto dell’Ing. Raffaele D’Errico, il quale realizzò un’artistica ed ampia chiesa, degna di rappresentare a Brindisi il Santuario dell’Addolorata o della Pietà.

Domenico Bacci riferisce che nella chiesa della Pietà nel 1670 e nel 1690 furono ripresi i lavori di completamento e di restauro, ingrandendo il presbiterio allo stato attuale ed innalzando il campanile.

Nel 1932 Don Antonio Minunni, Padre Spirituale del Santuario, commissionò la bellissima statua in legno di Ortisei all’artista, Giacomo Vincenzo Mussner.

Il 28 Dicembre 1938, dopo aver superato numerose difficoltà i Frati Minori di Lecce giunsero a Brindisi e un po’ alla volta si sistemarono accanto alla chiesa della Pietà nei locali della confraternita, che poi modificati e ingranditi diventarono la sede conventuale della Fraternità.

La Chiesa subì gravi danni nel bombardamento aereo dell’8 Novembre del 1941 e fu chiusa al culto. Fu riaperta per merito di P. Egidio De Tommaso verso la fine del 1944.

Il 1 Giugno 1948 la chiesa della Pietà venne eretta Parrocchia con la nomina del primo Parroco nella persona di P. Egidio De Tommaso. Il 29 Ottobre 1960 fu consacrata dall’Arcivescovo Mons. Nicola Margiotta, il quale con Decreto del 30 Ottobre 1969 elevò la chiesa della Pietà di Brindisi alla dignità di “Santuario Mariano Diocesano.